fbpx Skip to main content

Non è stato facile portare a casa la vittoria nel derby di domenica scorsa. Per fortuna ci ha pensato Michele Bedin a sbloccare il risultato.
Il centrocampista ha trovato il primo gol in stagione in una delle sfide più importanti.
Bedin è arrivato, anzi è tornato, al San Pietro per dare fosforo ed esperienza al centrocampo di Rutzittu.
L’incontrista ha un curriculum ricchissimo, compreso un campionato vinto in neroverde nel 2008.
Dopo aver iniziato il settore giovanile alla Serenissima, Bedin ha vissuto esperienze importanti al Thiene e nel Verona.
In prima squadra oltre al San Pietro, ha giocato alle Alte, Olmo, Fimarc, Junior Monticello e Arcugnano, vincendo il campionato lo scorso anno.
Fino a tornare questa stagione al Giuriato.

Cosa ti ha spinto a tornare al San Pietro?
Sono tornato qui perché conosco la società e le ambizioni che ha. È un ambiente importante, un isola felice si può definire.
Qui non ti fanno mancare nulla!

Contento del gol domenica nel derby?
Contentissimo! Soprattutto perché è il primo della stagione. E poi segnare in un derby ha sempre un valore in più.

Come giudichi la tua stagione fin qui?
Sinceramente non sono del tutto soddisfatto della mia stagione, sento di poter dare di più.
Qualche problema fisico mi ha fatto un po’ rallentare. Ora spero di riuscire a dare più continuità alle mie prestazioni.

Come si gestisce anche mentalmente il buon momento della squadra?
Siamo in un ottimo momento di forma e di risultati. Dobbiamo però tenere i piedi per terra e lavorare sodo, ora la testa conta più di tutto.
Da qui alla fine tutte le partite saranno difficili e nessuno ci regalerà niente, ma abbiamo dimostrato che con il giusto approccio possiamo giocarcela con tutti.