fbpx Skip to main content

Marco Maccà classe 2000 – Pedina fondamentale dell’11 di Rutzittu, Marco Maccà è un ‘canterano’ neroverde che da qualche anno si fa valere in prima squadra.

Il giovane centrocampista dà dinamismo e qualità al centrocampo del San Pietro. E non è insolito che il suo sinistro gonfi la rete avversaria, magari con una punizione disegnata perfettamente.

Marco, partiamo dall’inizio. Quali sono i tuoi primi ricordi legati al calcio?
Ho iniziato a giocare a calcio all’età di 7 anni. Ero contentissimo, non vedevo l’ora di divertirmi e giocare, soprattutto con i miei amici d’infanzia. Mi ricordo che ogni volta dopo aver finito “l’allenamento” tornato a casa, andavo in garage e riprendevo a giocare a calcio, perché senza pallone non riuscivo a starci.

Ti è sempre piaciuto il calcio?
Si, il calcio mi è sempre piaciuto fin da piccolissimo. Non vedevo l’ora di giocare a pallone con gli amici o con mio fratello a casa.

Ci sono stati momenti in cui hai pensato di mollare di giocare a calcio?
Sinceramente no, perché giocare a calcio è quello che desidero di più fare fin da piccolo, e ogni volta che gioco mi diverto moltissimo. Il mio obiettivo, oggi, è migliorarmi sempre di più e quindi gli allenamenti li prendo molto sul serio e ci metto l’anima.

Perché il GS S.Pietro?
Il GS San Pietro è la mia seconda famiglia. Ho sempre giocato in questa squadra fantastica, e vorrei ringraziare tutte le persone che mi hanno fatto crescere calcisticamente, dagli allenatori ai dirigenti. Sono onorato di fare parte di questa grande famiglia che non mi ha fatto mancare niente.

Quali sono i momenti migliori della tua esperienza al GS S.Pietro?
Il momento migliore è stato sicuramente la vittoria del campionato provinciale nel 2014/15 quando giocavo nei giovanissimi. Vincere quel campionato è stata una grande emozione. Quell’anno è stato fantastico per noi 2000 e vincere la coppa da capitano è stata una gioia immensa

Hai due aggettivi per descrivere la tua personalità?
Timido e determinato.

Un motto personale che ti accompagna in campo e fuori?
Non ho un motto personale, però voglio dire a gran voce: “Sono orgoglioso e fiero di giocare al San Piero!”

 

 

A cura di:
Franca Barban
Marketing Manager
Fivesix studio